Come ho lavorato sugli esperimenti di laboratorio durante il lockdown

Posted 03/18/2021 by Fernanda Neri, physics and chemistry teacher, Escola Secundária de Amares, Portugal

Come possono i miei studenti lavorare sugli esperimenti di laboratorio obbligatori nel curriculum portoghese durante il lockdown? In qualità di insegnante di fisica e chimica, vorrei condividere le mie esperienze sul passaggio alle lezioni virtuali a causa della pandemia globale. Imparare facendo è importante per me; è così che gli studenti acquisiscono una reale comprensione della fisica e della chimica. Quando ne ho la possibilità, mi intrufolo in un laboratorio per usare esempi pratici e per spiegare concetti scientifici, anche durante le lezioni normali. Quando non è stato possibile a causa del lockdown, ho lavorato a soluzioni alternative con l'aiuto della tecnologia TI-Nspire™ CX.

Fernanda Neri (prima fila a destra) durante Sharing Inspiration 2019 a Bruxelles con una parte dei partecipanti portoghesi.

Durante l’anno scolastico regolare, divido gli studenti in gruppi di quattro per lavorare sul lato sperimentale delle cose. Se non abbiamo attrezzature sufficienti per tutti i gruppi, facciamo a rotazione. Alcuni gruppi iniziano facendo l'esperimento con i materiali disponibili e altri lavorano su altri compiti. Oppure uso modi alternativi per eseguire lo stesso esperimento che coinvolge sensori diversi, ma consente comunque agli studenti di apprendere gli stessi concetti.

L’utilizzo della tecnologia TI-Nspire™ CX per queste attività di laboratorio mi consente di salvare i dati delle precedenti attività svolte in classe. Quindi, ho dei dati da fornire agli studenti per l'analisi, se per caso non fossero in grado di raccoglierli da soli. E a volte abbiamo veramente avuto bisogno di questa opzione. Come quando un gruppo di studenti ha eseguito una titolazione in cui il valore del pH non cambiava. Tutti si chiedevano cosa fosse andato storto e solo più tardi mi sono resa conto che non avevano immerso il sensore di pH nel liquido triturato 😊. Fortunatamente, avevo alcuni dati pre-salvati che hanno consentito di svolgere di nuovo la parte di analisi dei dati del lavoro.

Nel 2020 eravamo ancora in grado di insegnare in presenza ma dovevamo lavorare con alcune nuove regole. Gli studenti dovevano tenersi a distanza l'uno dall'altro e non potevano condividere l'attrezzatura, quindi ho dovuto fare più dimostrazioni di quelle che facevo abitualmente. Tuttavia, alcuni esperimenti erano ancora possibili. Ad esempio, in chimica potevo mettere gli studenti in coppia, cosa consentita pulendo costantemente l'attrezzatura e assicurandomi che si lavassero le mani. In questo modo potevo ancora offrire la possibilità di fare esperimenti reali.

Insegnamento a distanza

Quando la pandemia è peggiorata, ci siamo trovati di fronte a diversi lockdown. Questo mi ha fatto passare all'insegnamento virtuale per il 50% del tempo. Poiché la mia connessione Internet è molto più veloce di quella della scuola, è più facile utilizzare le risorse online. Per prima cosa uso risorse online, come simulazioni con molecole o atomi e brevi video forniti dagli editori dei libri degli studenti. Queste lezioni sono seguite da 1 ora di lavoro in autonomia in cui rimango collegata e aiuto gli studenti quando hanno bisogno di chiarire qualcosa.

Ovviamente, questo non risolve il problema di come fare esperimenti di laboratorio in modalità virtuale. Quindi, quello che faccio è questo: durante la lezione virtuale utilizzo la vista dell'editore del software TI-Nspire™ CX per introdurre l'attività e gli obiettivi e mostrare video di diversi esperimenti o simulazioni. Questo aiuta gli studenti a visualizzare l'attività di laboratorio. Quindi fornisco loro i dati sperimentali che ho salvato in modo che possano fare le proprie analisi, avendo adattato le attività al formato tnsp (documenti dell'editore TI-Nspire™). I miei studenti usano la loro calcolatrice grafica per risolvere i problemi nello stesso modo in cui farebbero in classe. Per loro non c'è un vero cambiamento e gli studenti hanno ancora la sensazione di essere coinvolti nel lavoro pratico di laboratorio. La calcolatrice grafica è molto utile in quanto è sempre disponibile quando gli studenti usano il computer per altre cose, come seguire le mie lezioni. Il feedback che ho ricevuto è molto buono e le lezioni scorrono bene.

In effetti, durante le lezioni virtuali utilizzo la tecnologia TI-Nspire™ CX molto più di quanto facessi in un'aula fisica. Utilizzo la tecnologia come una lavagna per spiegare tutti i concetti agli studenti. Questo costituisce la base delle mie lezioni, poiché non utilizzo una tavola di digitalizzazione. Per alcune attività è persino meglio di una lavagna - è facile da copiare e incollare, ad esempio, e più veloce della scrittura a mano. Anche per argomenti più teorici la TI-Nspire™ aiuta molto poiché ha modelli in cui posso scrivere facilmente equazioni chimiche, formule e calcoli matematici. Anche le lettere greche e la conversione delle unità sono molto utili. Per questo la tecnologia TI-Nspire™ è assolutamente obbligatoria nelle mie lezioni virtuali e ha contribuito a renderle molto più interessanti per gli studenti!

Sono molto disponibile ad aiutare gli insegnanti che vorrebbero adottare questo approccio e rendere le loro lezioni virtuali più dinamiche. E ho condiviso i miei file in diversi corsi di formazione T³ per insegnanti. Quindi per favore contattami se vuoi saperne di più!