Tocca a voi, ragazze! L’esperienza delle donne nelle discipline STEM

Posted 04/12/2021 by Sónia Reis

Cosa possiamo fare per far sì che le ragazze delle superiori decidano di puntare sulle discipline STEM per la loro istruzione e la loro carriera? In un mondo in cui le soluzioni scientifiche e tecnologiche sono assolutamente necessarie, non possiamo escludere metà dei talenti del mondo. Abbiamo bisogno di ragazze e di donne! La nostra rete di insegnanti T3 è convinta dell'importanza di motivare le ragazze ad approfondire le discipline STEM. Quattro formatori T3 e due studentesse europee condividono le loro esperienze sulle questioni di genere, le metodologie di insegnamento e l'istruzione STEM.

Ragazzi e ragazze vanno ugualmente bene nelle discipline STEM?

“Nella mia classe di fisica il rapporto tra maschi e femmine è di solito 50/50", dice l'insegnante di fisica olandese Cathy Baars. "Hanno tutti buoni risultati, quindi non c'è motivo per le ragazze di non scegliere le discipline STEM". Anche l'insegnante di fisica e chimica Fernanda Neri vede un rapporto equilibrato tra ragazzi e ragazze nella sua scuola in Portogallo. "Non vediamo differenze nei risultati che ottengono, in termini di voti. Noto che le ragazze e le donne a volte sembrano meno propense a correre dei rischi. La maggior parte degli insegnanti sono donne. Ma quando abbiamo un corso di formazione T³ che introduce nuove tecnologie, a volte si lascia che siano i maschi a lavorarci "perché sono più bravi". Ma in questo modo, le insegnanti donne non possono trasmettere la conoscenza ai loro studenti”.

Fernanda Neri (a destra) in un meeting del progetto Erasmus – il potere della matematica

Per aiutare le ragazze ad avere successo nelle discipline STEM, il governo tedesco ha promosso, ad esempio, la speciale Giornata delle ragazze. "Nel 2019 tre delle nostre studentesse hanno potuto dimostrare alla cancelliera Angela Merkel che le ragazze sono brave quanto i ragazzi", dice Mirco Tewes, insegnante del Primo Levi Gymnasium. "Hanno incentrato la loro dimostrazione sull'argomento 'cosa vuoi dire che le ragazze non sanno parcheggiare?' Per dimostrare la propria tesi, hanno programmato un veicolo robotizzato con assistente di parcheggio utilizzando la tecnologia TI per mostrare come può funzionare il parcheggio autonomo. L'esperienza potrebbe, in effetti, avere avuto un impatto sulle scelte di carriera delle ragazze. Una di loro ha deciso di studiare ingegneria biomedica, una studentessa ha preso un anno sabbatico e la terza ragazza studia matematica a Berlino".

Studentesse del Primo Levi Gymnasium con la Cancelliera Angela Merkel nella giornata speciale dedicata alle ragazze

Quando andavate a scuola le ragazze erano trattate in modo diverso?

La studentessa portoghese Ana (25 anni) che sta lavorando a un dottorato in informatica quantistica non si è mai sentita trattata in modo diverso al liceo perché era una ragazza. “Tuttavia, sin da bambina ricordo di aver sentito che le ragazze preferivano la chimica e i ragazzi preferivano la fisica. Perché, non lo so. Forse c'è davvero una differenza nel modo in cui funziona il nostro cervello, o c’è stato un motivo iniziale di scelta che poi è stato perpetuato da influenze culturali e sociali. Ma questo è stato qualcosa che mi ha seguito sin da quando ero piccola, nelle battute e nelle conversazioni quotidiane”.

La dottoranda Ana condivide la propria esperienza del master in ingegneria fisica

La studentessa olandese di medicina Eva (24 anni) ha un'esperienza simile. “Il mix di ragazzi e ragazze che facevano studi tecnici era piuttosto equilibrato, ma la sensazione era che le ragazze avrebbero scelto studi classici e non scientifici. Inoltre, era chiaro che se le ragazze avessero scelto corsi di matematica, questi sarebbero stati "più facili". Questo significava che molte finivano per sostenere esami di matematica in più durante l'estate in modo da qualificarsi per l'ammissione a un'università di tecnologia." La formatrice T³ Cathy Baars pensa che anche gli insegnanti dovrebbero prestare attenzione al rischio di fare errate valutazioni." Ad esempio, se un ragazzo ottiene 6 su 10, può essere logico che continui il percorso di studio in fisica, ma se si tratta di una ragazza, potrebbero esserci dubbi sulle sue capacità ", dice.

L'insegnante olandese, quando era adolescente, ha avuto un'esperienza positiva alle superiori "probabilmente perché ero molto curiosa della scienza ed eccellevo", dice. Thérèse Froehlich, insegnante ICT presso la scuola Europea di Strasburgo, ha avuto un'esperienza diversa. Ha finito per sfidare il consiglio che aveva ricevuto - che non era quello di continuare nelle discipline STEM. "La mia insegnante al primo anno di scuola secondaria mi disse che non avevo il profilo dello studente di scienze", dice. “Mi ha suggerito invece di concentrarmi sulla letteratura. Non mi sono arresa e ho finito la scuola con un BAC C, un diploma di maturità in matematica, fisica e chimica".

Cosa motiva le ragazze a scegliere le discipline STEM?

"Gli esercizi e i problemi sono come un gioco per me, mi piace trovare le soluzioni", dice la dottoranda portoghese Ana, che ha sempre saputo di voler studiare le materie STEM. "Mi piace ragionare e non memorizzare, quindi è stata una scelta naturale per me." Sua madre, l'insegnante di scienze Fernanda Neri, dice che è stata la sua "brillante" insegnante di fisica e chimica dell’ottavo anno a farle amare la materia ". Mi è piaciuto il fatto che la fisica e la chimica possano spiegare il mondo in cui viviamo ", dice Fernanda. “Poi al 10 ° anno ho avuto il peggior insegnante di sempre, ma questo è stato un incentivo per me. Mi ha fatto capire che un insegnante potrebbe rovinare una materia che si ama studiare - e questo mi ha spinto a diventare un insegnante che motiva gli studenti. Come donna, sono un esempio per le mie studentesse. Quindi, quando mi vedono fare esperimenti, programmare, lavorare con l'elettricità in modo sicuro, spero che si rendano conto che non è solo per maschi. Mi piace anche mostrare alle ragazze che sbagliare non è un problema".

Il dare l'esempio sembra avere una grande influenza. La studentessa olandese Eva dice di essere stata ispirata dalla sua insegnante di fisica che era molto entusiasta. “Si è distinta da tutti gli uomini antiquati. Quando ci ha insegnato l'epidemiologia e l'origine delle malattie, mi ha davvero interessata. Mi ha motivato a scegliere la medicina e, in questo senso, mi ha aperto nuove porte. Col senno di poi ho scelto alcune materie perché mi piacevano gli insegnanti che le insegnavano", dice. "È un peccato, perché di chimica avevamo un insegnante poco interessante e all'università ho scoperto quanto mi piaceva quella materia".

Cathy Baars ha anche capito di essere un modello e che questo aiuta le ragazze a scegliere le materie STEM. “Durante un progetto in cui gli studenti hanno imparato a programmare il veicolo robotico TI-Innovator Rover, a una delle ragazze è piaciuto così tanto che ha deciso che voleva saperne di più. Ha scelto di frequentare un istituto tecnico per specializzarsi in Computerised Banking. 'Hai plasmato la mia carriera', più tardi mi ha detto."

L’insegnante di Fisica Cathy Baars (a destra) con una delle sue classi

Durante il suo master in ingegneria elettrica e automazione, l'insegnante di francese Thérèse Froehlich è stata ispirata dai metodi di insegnamento utilizzati dalla sua docente di elettronica. “Stava parlando di componenti elettronici come se fossero piccoli esseri viventi. I montaggi elettronici sono diventati gruppi che insieme hanno prodotto fenomeni fisici. È riuscita a stimolare il mio interesse per l'elettronica con una modalità di insegnamento diverso".

Cosa possono fare gli insegnanti per aiutare le ragazze ad avere successo nello studio delle materie STEM?

Thérèse Froehlich ha adottato lo stesso tipo di approccio applicato dal suo insegnante di ricerca elettronica. "E ho introdotto molti più esperimenti di laboratorio per coinvolgere le ragazze", dice. Fernanda Neri spinge deliberatamente le ragazze ad essere in prima linea e le incoraggia a fare esperimenti pratici. "Avevo notato che quando gli studenti potevano scegliere tra compiti diversi solo i ragazzi decidevano un'attività che prevede la programmazione", dice. “Così, la seconda volta che ho fatto il progetto, ho esortato le ragazze a partecipare alla programmazione e alla sperimentazione. Anche allora alcune ragazze hanno semplicemente guardato, invece di partecipare attivamente. Sembravano aver paura di fare confusione o di commettere errori. Sapendolo, incoraggio le ragazze a uscire dalla loro zona di comfort stimolandole a mostrare di cosa sono capaci".

Studentesse portoghesi che lavorano al progetto di Fisica Telepatica per sedie a rotelle con cui hanno vinto un viaggio alla Nasa

Cathy Baars ha notato che le ragazze a volte condividono interessi piuttosto specifici, come la conoscenza del corpo umano. "Di tanto in tanto lavoriamo con il metodo della classe capovolta in cui gli studenti decidono il compito su cui lavoreranno", dice. “Questo spinge le ragazze a scegliere gli argomenti più interessanti per loro. Alle ragazze è piaciuto molto anche un progetto di introduzione alla programmazione incentrato sulla creazione di arte in Python. Nei progetti successivi, ciò ha portato a una situazione in cui le ragazze hanno fatto la maggior parte della programmazione. Un'altra pratica adatta è il metodo Scrum in cui gli studenti creano gruppi in base ai talenti e alle abilità dei partecipanti. Ciò si traduce automaticamente in un buon equilibrio tra ragazzi e ragazze. Il metodo dà potere sia ai ragazzi che alle ragazze e tutti sperimentano le proprie abilità specifiche contribuendo al funzionamento dell'intero gruppo".

Perché le ragazze dovrebbero scegliere un'istruzione e una carriera fondata sulle discipline STEM?

Ogni ragazza che vuole studiare materie STEM dovrebbe provarci, dice Cathy Baars. "Come insegnante, mi avvicino ai miei studenti in modo completamente neutro rispetto al genere. Per me insegnare significa semplicemente mostrare agli studenti la bellezza della fisica". La studentessa Eva pensa che le ragazze dovrebbero essere libere nelle loro opzioni e scelte, anche se dubita della tattica di stimolarle eccessivamente a scegliere materie STEM. "Ogni studente dovrebbe scegliere l'istruzione e la professione che corrisponde alle proprie capacità", afferma. Ana è d'accordo ed è felice della sua scelta. “L'informatica quantistica è molto divertente perché è un argomento di ricerca molto nuovo. Penso che dobbiamo cambiare il punto di vista secondo cui le donne hanno più difficoltà degli uomini in alcuni argomenti, in modo che la nuova generazione di studenti non sia più influenzata. Le carriere STEM sono carriere molto buone, interessanti e con ottime potenzialità. Le donne non dovrebbero fare un passo indietro per insicurezza o paura. Se a loro piacciono gli argomenti STEM, dovrebbero approfondirli. Possiamo ottenere tutto ciò che vogliamo quando lavoriamo con impegno".

Studentesse olandesi che lavorano ad un progetto di Fisica